21 Giugno 2018
NEMATODE GRAMINICOLA, ECCO COME DIFENDERSI

Meloidogyne graminicola è un nematode in grado di attaccare numerose piante ospiti tra cui la coltivazione del riso compromettendone la produttività. E’ un nematode endoparassita ipogeo che attacca le radici e induce nella pianta la proliferazione di cellule giganti, con conseguente malformazione delle radici stesse (galle) e perdita della funzionalità fisiologica. La sintomatologia è di tipo aspecifico ed è più evidente nelle risaie coltivate in asciutta.

Nelle prime fasi di sviluppo è possibile osservare una riduzione della crescita associata ad uno scarso sviluppo dell’apparato radicale che può evidenziare la presenza di galle più o meno diffuse. Nelle camere i sintomi si manifestano a chiazze distribuite irregolarmente. L’attacco in una fase più sviluppata delle piante si manifesta con clorosi, appassimenti e riduzione della taglia e scarsa produzione di cariossidi.

Per questi motivi, il rinvenimento di Meloidogyne graminicola in areali risicoli italiani, con diversi focolai d'infestazione dislocati in Piemonte, tra le Province di Biella e Vercelli ha indotto il Servizio Fitosanitario italiano a promuovere l'adozione di misure di emergenza per il contenimento del parassita. La Regione Lombardia in considerazione della continuità territoriale e della vicinanza ai territori attualmente infestati è, sicuramente, il territorio più minacciato da una eventuale espansione territoriale del parassita, anche a causa della movimentazione del terreno proveniente dalla zona infestata, e con D.d.u.o. n. 8039 del 30 maggio 2018 è stato approvato il Piano regionale di emergenza per l’organismo nocivo Meloidogyne graminicola Golden & Birchfiel.

Il decreto prevede una serie di misure tra cui:

  • divieti di movimentazione del terreno,
  • sommersione degli appezzamenti,
  • monitoraggi intensivi,
  • interventi su piante infestate e su piante ospiti.

La tecnica della sommersione ha dimostrato efficacia, purché si contengano le infestanti che a loro volta possono veicolare il nematode. Allo stato attuale il Servizio fitosanitario della Lombardia ha accertato la presenza del nematode nel comune di Garlasco sottoponendo l’area alle misure fitosanitarie previste. Nell’occasione di casi sospetti si invitano le aziende a prendere contatto con i tecnici e a fare opportuna segnalazione al Servizio Fitosanitario Regionale.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi